Editor Gutenberg: come utilizzare l’evoluzione di WordPress 5.X

Editor Gutenberg: come utilizzare l’evoluzione di WordPress 5.X

Le innovazioni apportare a WordPress nell’editor Gutenberg promettono di garantire una maggiore fruibilità del software agli utenti, soddisfano le esigenze anche dei meno esperti

Se si cita Gutenberg la prima cosa che viene in mente è l’inventore della stampa, una macchina che grazie all’ausilio di caratteri mobili permetteva la stampa in tempi abbastanza brevi e conferiva la possibilità di rendere più capillare la diffusione della carta scritta. Oggi, a distanza di circa 500 anni, questo nome è stato utilizzato da WordPress per identificare il nuovo editor che rende più semplice la creazione di contenuti, a netto vantaggio di coloro che si avvicinano, per la prima volta, a questo software. Grazie a quelli che vengono definiti “piccoli blocchi” si ha la possibilità di lavorare con opzioni più avanzate, adottando layout migliori.

Tra gli obiettivi principali di Gutenberg c’è la semplificazione e la standardizzazione, con lo scopo di rendere quanto più facile ed intuitivo possibile la realizzazione di contenuti utilizzando blocchi di formattazione e di struttura del contenuto che, nel caso specifico, saranno in grado di integrare contenuti provenienti dai social oppure utili per l’inserimento di video in arrivo da YouTube e Vimeo.

Editor Gutenberg: un nuovo modo di organizzare i contenuti

Il presupposto di partenza di Gutenberg è quello di offrire un programma in grado di cambiare radicalmente il modo con cui costruire le pagine del proprio sito. Attraverso questo sistema infatti sarà possibile personalizzare completamente l’intero sito, non solo i contenuti e gli articoli.

L’editor Gutenberg consente di sfruttare più spazio per la scrittura, si tratta di un’agevolazione non da poco, soprattutto per chi è abituato a scrivere da laptop o comunque su schermi piccoli. In questo modo il programma si dichiara completamente incentrato sulla scrittura, senza togliere spazio a quest’ultima per lasciare campi distraenti. Al contempo, proprio con il proposito di lasciare maggiore spazio alla scrittura, la consueta barra degli strumenti che si era abituati a vedere nella precedente versione di TinyMCE è stata sostituita da un pratico ed intuitivo meno a discesa che appare non appena si clicca sul tasto “inserisci”.

Quando inizierete a scrivere e ad utilizzare i vari blocchi, sarà possibile lavorare sugli stessi con maggiore facilità, potendo spostarli verso l’alto e verso il basso con maggiore immediatezza. Anche per quanto concerne l’inserimento delle foto e delle immagini, Gutenberg si presenta altamente fruibile e, soprattutto se si deve lavorare attraverso lo smartphone o tramite l’ausilio di un dispositivo mobile, si avrà maggiore semplicità d’azione.

La gestione delle tabelle e il blocco colonna testo con editor Gutenberg

La vera innovazione nell’editor Gutenberg è data dalla nuova e semplice gestione delle tabelle, che possono essere inserite come blocchi all’interno dell’editor stesso. Se in precedenza era necessario lavorare con un plugin di terze parti o del codice html, attualmente si potrà operare direttamente su una tabella 2×2, eventualmente intervenendo e modificandola per passare alla modalità testuale.

È inoltre possibile inserire dei blocchi reattivi di colonne di testo, che in precedenza creavano non pochi problemi, in quanto necessitavano di plugin per poter funzionare correttamente.
Infine, proprio per quanto riguarda i blocchi, una nuova innovazione è quella del HTML live, inserendo il codice sarà possibile vedere un’anteprima direttamente all’interno del blocco. Sicuramente, dal punto di vista funzionale e pratico, è indubbiamente una buona idea, in quanto consente di vedere e rivedere, modificare e rimodificare l’editor visuale e l’editor di testo.

Vantaggi e svantaggi dell’editor Gutenberg

Ovviamente, come tutte le cose, ci sono vantaggi e svantaggi associabili e riconducibili all’editori Gutenberg.
Tra i vantaggi vanno sicuramente citate le ampie possibilità di gestire le tabelle, gli ampi spazi di scrittura e la fluida gestione dei contenuti multimediali. Gli elementi di formattazione e la possibilità di spostare i vari blocchi favoriscono tranquillamente la gestione dei blocchi nelle varie sezioni dei contenuti.

Per contro, gli utilizzatori della scrittura online potrebbero avere delle difficoltà a ragionare con i blocchi, anche se, in alternativa, è possibile continuare a scrivere di getto senza grandi interruzioni. Naturalmente, come tutti gli aggiornamenti i pulsanti sono stati posizionati in maniera diversa e questo richiede un nuovo riadattamento… valido fino al prossimo aggiornamento!