Presso il Ministero dell'Ambiente è stata avviata la procedura integrata di VIA (Valutazione Impatto Ambientale) riguardante l'iter autorizzativo del progetto di prospezione geofisica (sismica 2D) nell'ambito dei permessi di ricerca denominati "Passo di Piazza" e "Friddani", che interessa le province di Enna, Caltanissetta, Ragusa, Catania.

 Il termine di presentazione delle osservazioni riservate al pubblico scade il 07/07/2017.

Leggendo le conclusioni della sintesi non tecnica (SAGE/SIA/001/2017) dello studio di impatto ambientale (SIA) e valutazione d'incidenza per l'esecuzione di un rilievo sismico 2D nell'area destinata al progetto di esplorazione e ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi che la Società ENI Mediterranea Idrocarburi S.p.A. intende intraprendere nell’ambito dei permessi sopra citati, ciò che maggiormente colpisce è il fatto che dall’esame del regime vincolistico sovraordinato risulta che all’interno dell’area interessata sono presenti:

•             tre aree naturali protette (EUAP) ed un IBA (CFR. Allegato 5 A/B);

•             sette siti tutelati appartenenti alla Rete Natura 2000 (cfr. Allegato 6 A/B);

•             “Beni culturali tutelati” ai sensi degli artt. 10 e 11 del D.Lgs. 42/2004 e s.m.i. (aree archeologiche);

•             aree di notevole interesse pubblico, tutelate ai sensi degli artt. 136 e 157 del D.Lgs. 42/2004 e s.m.i.;

•             territori costieri compresi in una fascia di profondità di 300 metri dalla linea di battigia;

•             fiumi, torrenti, corsi d'acqua, iscritti negli elenchi previsti dal Testo Unico delle disposizioni di legge sulle acque ed impianti elettrici, approvato con Regio Decreto 11 dicembre 1933, n. 1775, e  relative sponde o piedi degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna;

•             parchi e riserve nazionali o regionali, nonché i territori di protezione esterna dei parchi;

•             territori coperti da foreste e da boschi, ancorché percorsi o danneggiati dal fuoco, compreso quelli sottoposti a vincolo di rimboschimento, come definiti dall'articolo 2, commi 2 e 6, del decreto legislativo 18/05/2001, n. 227;

•             zone umide incluse nell'elenco previsto dal DPR 13/03/1976, n. 448;

•             territori interessati da vincolo idrogeologico.

A tale prospettiva di ulteriore scempio delle matrici ambientali e delle elementari norme precauzionali sancite dal Diritto Europeo si aggiunge, sconcertante, lo scandalo vero e proprio - del tutto politico - del fatto che ad oggi, in Sicilia, la Disciplina della prospezione, della ricerca, della coltivazione, del trasporto e dello stoccaggio di idrocarburi liquidi e gassosi e delle risorse geotermiche, è ancora regolata dalla Legge Regionale n° 14 del 2000.

Legge già dichiarata obsoleta per sopravvenuta incostituzionalità già oltre 4 anni orsono dal costituzionalista Enzo Di Salvatore nel corso dei lavori di un convegno tenutosi a Gibellina il 24 Marzo 2013, in quanto, tra l’altro, nelle disposizioni specifiche dell'art.14 della stessa, al comma 7 è previsto che il permesso di prospezione autorizza il permissionario a condurre l'esplorazione anche in aree protette, nel rispetto delle norme vigenti in materia di tutela dell'ambiente e del paesaggio.

Come purtroppo più volte acclarato nelle Regioni che da decenni subiscono gli effetti nefasti della filiera dell’Oil&Gas, la “convivenza” tra attività estrattive e tutela dell’ambiente non è più che una burla propagandistica di Eni e Companies da mettere in bocca ai politici ed agli amministratori locali.

Resta il fatto che, tanto più alla luce della minaccia rappresentata dal rilancio delle attività di esplorazione e ricerca finalizzate a nuove concessioni estrattive, in Sicilia è ancor più urgente e necessario addivenire con efficacia e concretezza alla revisione della Legge 14/2000, attrezzando e rilanciando una campagna capillare dal basso.

Dopo la clamorosa vittoria referendaria che lo scorso 4 Dicembre ha sepolto sotto una valanga di NO il progetto accentratore ed autoritario di revisione costituzionale di marca renziana, difendere l’impianto di autonomia statutaria della Sicilia vuol dire accentuarne il percorso di valorizzazione e gestione dei beni comuni.

Considerato quindi che il 07/07/2017 scadranno i termini per presentare le osservazioni sul progetto di prospezione geofisica (sismica 2D) nel sottosuolo di Gela, Mineo, Ramacca, San Michele di Garanzia, Mazzarino, Aidone, Mirabella Imbaccari, Piazza Armerina, Caltagirone, Grammichele, Niscemi, San Cono,

 chiediamo  a tutte le associazioni, ai comitati, ai movimenti, ai partiti, alle associazioni sindacali, ai singoli, che si battono in Sicilia per i beni comuni

•             di produrre le necessarie osservazioni utili da inviare al Ministero dell'Ambiente senza fare scadere i termini di legge

•             di saper condividere la pratica di una piattaforma incentrata sulla rivendicazione della modifica della L. 14/2000 e del ripristino del Piano delle Aree, già previsto dall’ex art. 38 dello “Sblocca Italia” ed opportunisticamente stralciato dal governo Renzi in sede di Legge di Stabilità del 2015 per il 2016.

A tale scopo come soggetti promotori firmatari invitiamo alla sottoscrizione del presente appello, al fine di poterci accordare sulla condivisione di una mozione unica, quale strumento di coinvolgimento, anche tramite delibere comunali, delle amministrazioni locali, per costringere la ARS a deliberare in materia.

Leggi tutto...

Inchiesta Mare Nostrum. Tancredi: "M5S totalmente estraneo ai fatti" In evidenza

“Notizie di stampa lascerebbero trasparire un coinvolgimento, seppur marginalissimo, del M5S nell'inchiesta Mare Monstrum, cosa che è fuori da ogni logica e dalla realtà delle cose”. 

Così il deputato M5S all'Ars, Sergio Tancredi.

“Non è vero – dice il deputato - che abbiamo fatto mancare il numero legale in commissione Ambiente, perché eravamo presenti nelle due sedute di ottobre successive alla mia telefonata intercettatta. Dopo queste, la votazione della consulenza non fu più inserita all'ordine del giorno e, dunque, non se ne parlò più. I verbali delle sedute della commissione sono la dimostrazione che quello che sosteniamo è la verità. Tra l’altro, lo stesso magistrato Lo Voi afferma che noi eravamo contrari 'probabilmente per altri motivi'. Infatti, il M5S è sempre stato vigile nei confronti delle nomine di consulenza. Abbiamo sempre agito in questo modo, chiedendo le carte e studiando i curricula. Ed è così che abbiamo fatto anche anche in occasione della seduta per la nomina di Prestigiacomo, il quale, come si legge nel suo curriculum, aveva prestato servizio per una compagnia di navigazione e per questo motivo il M5S ha ritenuto opportuno un approfondimento per verificare la sua terzietà all'incarico”.

 

Leggi tutto...

 Trasporto scolastico: incontro con le associazioni dei genitori con figli disabili  In evidenza

Un incontro con le associazioni dei genitori con figli disabili è stato organizzato per lunedì 29 Maggio 2017, alle ore 16.00 nell’aula “Silvia Pellegrino” del Libero Consorzio comunale di Agrigento,  in Via Acrone 27, vicino alla stazione centrale,  ad Agrigento. All’incontro parteciperà il Commissario straordinario del Libero Consorzio comunale di Agrigento dott. Giuseppe Marino. L’incontro nasce dall’esigenza che i genitori conoscano le possibilità offerte dalle nuove modalità di svolgimento del servizio per il  servizio di trasporto in favore degli alunni con handicap grave che frequentano gli Istituti di scuola media secondaria di secondo grado. Il Settore Pubblica Istruzione del Libero Consorzio provinciale di Agrigento ha, infatti, provveduto ad apportare importanti modifiche al regolamento che regola il servizio. Le modifiche scaturiscono dall'esigenza di rispondere meglio alle esigenze manifestate da diversi genitori che incontrano difficoltà riguardo al trasporto scolastico dei lori figli gravemente disabili. Le modifiche riguardano diversi aspetti a cominciare dalla possibilità di ampliare la scelta delle associazioni ed Enti che sono autorizzati a svolgere con mezzi e personale adeguati il servizio di trasporto alunni. Prevista anche l’eventualità, in casi specifici ed autorizzati, di utilizzare l'autovettura normalmente usata per il trasporto del proprio figlio, anche per l'autonomo accompagnamento a scuola. Inoltre le verifiche ed i controlli periodici sulla qualità del servizio erogato dovranno avvenire anche con la collaborazione e la consultazione con le associazioni rappresentative dei genitori. Infine è stata prevista la costruzione, con il coinvolgimento delle associazioni, di percorsi tecnico-amministrativi in grado di migliorare sia il servizio che gli scambi comunicativi con l'utenza interessata.

Leggi tutto...

Gero Acquisto: "Drammatica la situazione economica e sociale dei siciliani" In evidenza

La Uil di Agrigento interviene con il Segretario Generale Gero Acquisto a margine del forum e dei risultati tracciati dal Presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara sulla situazione economico e sociale della nostra isola a oggi purtroppo caratterizzata solo da segnali negativi che abbracciano trasversalmente praticamente una fascia amplissima di siciliani.

“Il nostro intervento non vuole affondare il coltello su ferite che in Sicilia sono diventate voragini e che nell'ultimo anno si sono solo allargate senza precedenti, noi invece vogliamo far comprendere come organizzazione sindacale vicina alle esigenze dei cittadini, che il governo e la politica che ci rappresenta nelle Istituzioni devono prendere atto del loro fallimento e provare almeno a mettere qualche pezza al dramma in cui vivono i siciliani.

La cosa che ci addolora è che oltre alla crisi e alla mancanza di riferimenti, i siciliani non vedono alcun ottimismo, in maniera che la situazione possa subire uno scossone positivo, 400 mila siciliani emigrano, un dato che deve far riflettere, i 500 mila neet, che pure in presenza del piano straordinario Garanzia Giovani, ha visto un tasso di occupabilità con risultati bassissimi di trasformazione di tirocini e apprendistato in contratti duraturi. Leggere che una fascia maggiore di siciliani rinuncia alle cure mediche, sancisce il dramma non solo economico ma soprattutto sociale tra cittadino non abbiente e le strutture sanitarie che dovrebbero garantire i livelli essenziali e di assistenza. Per non parlare delle imprese che falliscono o decidono di rischiare i loro capitali e le loro fatiche fuori dalla Sicilia. Possiamo sostenere che proprio in questi ultimi anni abbiamo cercato un confronto serio con i governi nazionali e regionali, sui drammi che si sono presentati nel mondo del lavoro, e dispiace constatare che buona parte della politica è rimasta chiusa e poco disponibile con le parti sociali.

E' inutile fare la lista di quello che hanno subito tante categorie siciliane con problematiche a oggi ancora insolute, ma a questo punto ci chiediamo se i siciliani potranno ancora sopportare una stagione di fallimenti politici di queste proporzioni. Se si vuole riprendere un cammino a questo punto si deve cambiare veramente tutto nella politica regionale e non solo, a questo punto si deve ripartire dalle fondamenta, e chi ha fallito deve avere il coraggio di cedere il passo e dare spazio a una nuova classe dirigente, perchè i siciliani meritano rispetto e pretendono risposte e opportunità vere per contribuire a uno sviluppo economico che sia per includere giovani e chi rivendica un lavoro o un'assistenza su basi nuove, dove capacità, rigore e occasioni di sviluppo guardino alla crescita e alla sostenibilità di un popolo che non si può piegare più, perchè ampiamente sfinito.”

 

Leggi tutto...

Rispondendo alla chiamata della Direttrice del Parco Archeologico di Segesta, Dott.ssa Agata Villa, il WWF Sicilia Nord Occidentale e Area Mediterranea si è presentato compatto all’ appello con un folto gruppo di volontari provenienti anche da lontano, da Licata a Palermo, con in mezzo Menfi, Sciacca, Ribera e Agrigento.Armati di guanti, sacchetti e buona volontà, insieme a volontari di altre organizzazioni e al personale del Parco, hanno ripulito gli spazi all’ingresso ed intorno al “Tempio Grande” di plastiche e rifiuti, aiutando gli operatori alla scerbatura ed al carico dei residui vegetali sull’autocompattatore. Pietro Ciulla e Giuseppe Mazzotta, presidenti delle rispettive Organizzazioni Aggregate del WWF, insieme a Dylan Pelletti, responsabile di WWF Young della Sicilia, hanno dichiarato di aver voluto dare un segno di presenza concreto al fine di sensibilizzare quanti andranno a visitare il nostro inestimabile patrimonio artistico, culturale, storico e naturalistico, che rappresenta una risorsa fondamentale per la nazione.

Leggi tutto...

L’ITAL UIL di Agrigento comunica importanti novità per gestanti e neo mamme attraverso incentivi previsti nella Finanziaria Nazionale 2017. E ricorda che da giovedì 4 maggio 2017 si possono inoltrare le domande all’INPS per ottenere il premio alla nascita o “bonus mamma” di 800 euro una tantum, riconosciuto dal 1° gennaio 2017 per la nascita o l’adozione di minore a tutte le mamme, senza limiti di reddito.

Lo ha reso noto l’INPS con la circolare n. 78 del 28 aprile 2017 precisando che da tale data è disponibile la procedura di acquisizione delle domande che dovranno essere trasmesse solo in via telematica secondo le modalità indicate e attraverso i Patronati. Il premio è corrisposto dall’Istituto previdenziale in unica soluzione, per ogni figlio nato o adottato/affidato nel 2017, su domanda della gestante (al compimento del settimo mese di gravidanza) o della madre del minore, per eventi verificatisi dall’1 gennaio, e non concorre alla formazione del reddito.

Le domande devono essere presentate dopo il compimento del 7° mese di gravidanza e comunque, improrogabilmente entro un anno dal verificarsi dell’evento nascita/adozione. Per i soli eventi avvenuti dal 1° gennaio al 4 maggio 2017 (data di rilascio della procedura) il termine di un anno, per la presentazione delle domande on line, decorre dal 4 maggio.

Nella domanda occorre specificare per quale evento si richiede il beneficio: 

•compimento del 7° mese di gravidanza (inizio dell’8° mese di gravidanza);

•nascita (anche se antecedente all’inizio dell’8° mese di gravidanza - parto prematuro);

•adozione del minore, nazionale o internazionale, disposta con sentenza divenuta definitiva ai sensi della legge n. 184/1983;ù

•affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza ai sensi dell’art. 22, comma 6, della legge 184/1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell’art. 34 della legge 184/1983.

L’Ufficio Provinciale e gli Uffici Zonali del Patronato ITAL UIL sono a disposizione delle interessate per consulenza/assistenza gratuite e per l’inoltro delle domande all’INPS, dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00

 

Leggi tutto...

Giuseppe Di Franco nuovo segretario della FLAI CGIL Agrigento In evidenza

Ieri mattina si è svolta a Cammarata l'assemblea generale della Flai Cgil di Agrigento per  l'elezione del nuovo segretario generale seguite alle dimissioni di Franco Colletti che ha raggiunto il limite statutario degli 8 anni di permanenza nella carica.
Colletti ha ripercorso il cammino delle tante iniziative e delle tante battaglie sindacali sostenute in questi 8 anni.
Alla presenza del Segretario Nazionale della Flai Cgil Ivana GALLI, il Segretario generale della FLAI SICILIA Alfio MANNINO quello della CGIL Agrigento Massimo RASO hanno formalizzato la  proposta come nuovo segretario generale della Flai Cgil di Agrigento di Giuseppe DI FRANCO.

Leggi tutto...


Pagina 1 di 257

Servizio Abbonati

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne meglio o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sulla pagina informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra pagina Privacy policy information.

Accetto i cookie da questo sito.

Cookie Directive Information