Emergenza amianto, CGIL - CISL - UIL scrivono al prefetto di Agrigento Nicola Diomede In evidenza
26 Giugno 2017 Scritto da 

Emergenza amianto, CGIL - CISL - UIL scrivono al prefetto di Agrigento Nicola Diomede

Emergenza amianto, CGIL - CISL - UIL scrivono al prefetto di Agrigento Nicola Diomede.

Ill.mo Signor Prefetto,

lo scorso 26 aprile, in occasione dell’iniziativa a carattere nazionale denominata #tuttiuniticontrolamianto, le nostre associazioni – su sollecitazione nel caso specifico di Legambiente Sicilia – hanno avuto modo di confrontarsi nel merito della grave emergenza rappresentata dai decessi collegati alla presenza diffusa dell’amianto sul territorio: solo nel 2015 i morti ricollegabili a questo pericoloso materiale sono stati un centinaio in Sicilia, 3.000 in tutto il Paese.

In Italia l’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, (secondo il D.P.R. 1124/1965 e la tabella delle malattie professionali recentemente aggiornata con d.m. 9 aprile 2008, entrato in vigore il 22 aprile 2008)  riconosce come causate dall’esposizione ad asbesto diverse terribili patologie.

L’amianto, peraltro, nonostante la messo al bando dal 1992, continua a ricoprire tetti, anche di edifici pubblici, e a trovarsi in molti manufatti,  per un’estensione stimata nella nostra regione di ben 50 milioni di metri quadri, pari a centinaia di migliaia di tonnellate di un materiale che per legge dovrebbe essere individuato, rimosso e smaltito.

La legge regionale n.10 del 2014 prevedeva  tempi strettissimi per le mappature, per le bonifiche e lo smaltimento (entro il 2017),  a fronte di risorse invero assai esigue che, di fatto, l’hanno fin qui resa improduttiva. Siamo tuttavia concordi nel ritenere non rinviabile una verifica del suo stato di attuazione nella nostra provincia, mirata ad un rilancio delle attività in tutti i Comuni che la compongono.

Occorre, quindi, capire se è stata fatta l’opera di monitoraggio prevista dalla legge, se vi sono e quanti sono i "Piani comunali amianto" già predisposti. Tutto questo è propedeutico per studiare e mettere in atto con urgenza dei seri progetti di bonifica a partire dagli edifici pubblici, in modo da tutelare la salute di chi vi opera e degli utenti.

Per tali ragioni ci appelliamo ad Ella, unica Autorità del Territorio abilitata a comprendere quante e quali sinergie è possibile stabilire tra ASP, ARPA,  INAIL, Comuni, Protezione Civile, Organizzazioni Sindacali e Ambientali al fine di  unificare le forze. Riteniamo utile ed urgente che se ne discuta e che, anche in questa provincia, si agisca contro questo killer silenzioso e spietato.

Certi che la nostra richiesta incontrerà il Suo favore e la Sua disponibilità nel farsi parte attiva ai fini della convocazione di questo tavolo operativo, La ringraziamo per l’attenzione e, in attesa di positivo riscontro, porgiamo il nostro più cordiale saluto.

Massimo RASO      Maurizio SAIA     Gero ACQUISTO     Claudia CASA



Redazione

Redazione

Devi effettuare il login per inviare commenti

Servizio Abbonati

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne meglio o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sulla pagina informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra pagina Privacy policy information.

Accetto i cookie da questo sito.

Cookie Directive Information