20Settembre2017

04 Maggio 2017 Scritto da 

Castelvetrano: presentata al Ministero delle Finanze istanza per l’ottenimento di rimborsi da entrate erariali

Il Sindaco della città di Castelvetrano Selinunte, Felice Jr. Errante, rende noto che la Civica Amministrazione ha presentato un’istanza al Ministero dell’Economia  e delle Finanze, ed al Ministero dell’Interno per ottenere il diritto al rimborso da parte del Comune, delle entrate erariali decurtate in sede di riparto del fondo sperimentale di riequilibrio del fondo preventivo per l’anno 2013, pari ad € 832.092,77, a seguito della pronuncia della Corte Costituzionale con la sentenza n°129/2016, depositata il 06/06/2016 e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n°23 del 08/06/2016. 

Nel 2012 il Governo Nazionale aveva approvato un Decreto Legge della cosiddetta Spending Review ( art.16, comma 6 del D.L. 06/06/2012 n°95, convertito poi con modificazioni, dall’art.1, comma 1, della legge 07/08/2012 n°135) ha previsto per il 2013 la riduzione del fondo sperimentale di riequilibrio del fondo perequativo  e dei trasferimenti erariali ai comuni, pari ad un ammontare complessivo di 2,25 miliardi di euro da imputare a ciascun comune in base alle quote delle spese sostenute per i consumi intermedi. 

La Corte Costituzionale, con la sentenza predetta, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del precitato articolo di legge, nella parte in cui non prevede, nel procedimento di determinazione del Fondo sperimentale di riequilibrio da applicare a ciascun comune nell’anno 2013,  alcuna forma di coinvolgimento degli Enti interessati, né l’indicazione di un  termine per l’adozione del decreto di natura non regolamentare del Ministero per l’Interno. Nelle motivazioni si evidenzia  che “un intervento di riduzione dei trasferimenti che avvenisse ad uno stadio avanzato dell’esercizio finanziario  comprometterebbe un aspetto essenziale dell’autonomia finanziaria degli Enti Locali, vale a dire la possibilità di elaborare correttamente il bilancio di previsione, attività che richiede la previa e tempestiva conoscenza delle entrate effettivamente a disposizione”. 

“Sulla scorta del dispositivo della sentenza della Corte Costituzionale, che ha efficacia retroattiva, il Comune ha presentato questa istanza per ottenere gli 832mila euro che le erano stati indebitamente decurtati - ha affermato Errante- auspichiamo che in tempi rapidi possano essere restituiti alle casse comunali le predette."



Lorena Soldano

Collaboratore di Redazione

Devi effettuare il login per inviare commenti

Servizio Abbonati

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne meglio o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sulla pagina informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra pagina Privacy policy information.

Accetto i cookie da questo sito.

Cookie Directive Information