CGIL agrigentina su Cupa: "concretizzarne il rilancio dopo la sentenza del TAR" In evidenza
21 Aprile 2017 Scritto da 

CGIL agrigentina su Cupa: "concretizzarne il rilancio dopo la sentenza del TAR"

CGIL su Cupa: "concretizzarne il rilancio dopo la sentenza del TAR".

“Il pronunciamento  del TAR circa le pretese dell’Università è stato salutato, giustamente, da commenti improntati all’entusiasmo. 

Noi che siamo tra i più convinti entusiasti non vogliamo recitare la parte del “bastian contrario, tuttavia abbiamo il dovere di segnalare alcune questioni:

•l’Art.9 della Legge di Stabilità regionale, se dovesse passare nell’attuale formulazione, segnerebbe la fine dei Consorzi Universitari per come li abbiamo concepiti: su questo il silenzio dei nostri Parlamentari Regionali e di chi occupa importanti caselle del Governo della Regione è ASSORDANTE!;

•occorre definitivamente chiarire il rapporto con l’Università di Palermo: dopo lo “scippo” dei Corsi di Laurea in Giurisprudenza, Architettura e beni Culturali, operato lo scorso anno e la non accettazione della proposta di riduzione della quota di contribuzione a carico del CUPA, siamo in lite davanti ai Tribunali: come continuare e su quali basi questo rapporto?

•L’annuncio di rapporti con questa o quella Università, sia essa quella di Messina o quella di Enna o qualsiasi altra, che Noi sosteniamo ed incoraggiamo, deve tradursi presto in certezze, altrimenti è solo propaganda: se il CUPA vuole avere un futuro dev’essere in grado di trasferire nuove certezze a chi è in procinto di compiere la scelta universitaria, entro il mese di Aprile si decide infatti l’offerta formativa per l’anno accademico 2017/2018. PERTANTO NON C’È UN MINUTO DA PERDERE! 

•Vanno definite le “partite interne” al CUPA nel rapporto con i Lavoratori: avevamo dichiarato la nostra disponibilità ad affrontarle, ma questa disponibilità non è stata ancora pienamente raccolta e questo non va bene!

Per tutto questo occorre che, con il CdA del CUPA e con il sostegno di quanti hanno a cuore il futuro del CUPA, occorre – su queste questioni – mettere punti fermi.

Non abbiamo perso né la fiducia, né la speranza , possiamo farcela ma dobbiamo parlare, tutti quanti, il linguaggio della concretezza!

Massimo RASO  

Matteo LO RASO



Calogero Parlapiano

Direttore di Redazione

Devi effettuare il login per inviare commenti

Servizio Abbonati

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne meglio o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sulla pagina informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra pagina Privacy policy information.

Accetto i cookie da questo sito.

Cookie Directive Information