Sciacca, gestione spazi pubblici. Simone Di Paola propone di coinvolgere associazioni e comitati di quartiere In evidenza
17 Aprile 2017 Scritto da 

Sciacca, gestione spazi pubblici. Simone Di Paola propone di coinvolgere associazioni e comitati di quartiere

Sciacca, gestione spazi pubblici. Simone Di Paola propone di coinvolgere associazioni e comitati di quartiere.

La vicenda, a dir poco scandalosa, dei turisti allontanati dalla villa comunale solo perché hanno ritardato di qualche minuto rispetto all’orario previsto,dimostra ancora una volta quanto questa città, rispetto alla gestione e alla valorizzazione degli spazi di pubblica utilità o comunque destinati alla fruizione pubblica, sia letteralmente all’anno zero.

Non è possibile che non si riesca a trovare un modo per poter consentire a cittadini e turisti di fruire liberamente e serenamente di spazi pubblici: ieri è stata la villa, l’altro ieri il parco giochi, domani chissà quale altro spazio pubblico.

Non parliamo poi dei tanti spazi chiusi, abbandonati e lasciati al degrado più assoluto perché nessuno mai si è preso la briga di decidere cosa farne.

La verità è che questi spazi possono essere valorizzati solo attraverso l’attivo e diretto coinvolgimento della città, affidandone la gestione dei comitati di quartiere, delle associazioni giovanili e di volontariato e di chi ha tempo, voglia ed energia per poter scommettere sulla propria città e sulle bellezze che essa offre.

 Se si pensa di voler offrire un servizio di qualità attraverso l’utilizzo delle poche risorse umane, attualmente in carico presso la pianta organica del Comune o applicando in modo burocratico gli orari degli impiegati comunali, o non si ha l minima idea di come coinvolgere la città oppure non si ha la voglia di risolvere un problema da cui dipende la qualità della vita in questa nostra città.

Tenere aperto un parco giochi, rendere liberamente fruibile una villa comunale, consentire che questi spazi siano serviti come è giusto che sia, è  condizione indispensabile affinché si possa parlare di città aperta. 

Personalmente chiederò al nostro candidato sindaco di fare del tema della libera, effettiva e  qualitativamente adeguata fruizione degli spazi di cittadinanza attiva uno dei punti più qualificanti del programma che proporremo ai saccensi.

Ma tutto questo non può essere fatto escludendo le forze sane di questa città dalla responsabilità di sentirsi parte attiva nel governo cittadino, al contrario responsabilizzando associazioni e comitati di quartiere nella diretta gestione di tali spazi; solo così, rispetto ad un tema evidentemente così sentito, Sciacca potrà fare il famoso salto di qualità, di cui tanto si parla ma che mai ne hai fatti è stato realizzato.

Simone Di Paola (PD)



Calogero Parlapiano

Direttore di Redazione

Devi effettuare il login per inviare commenti

Servizio Abbonati

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne meglio o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sulla pagina informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra pagina Privacy policy information.

Accetto i cookie da questo sito.

Cookie Directive Information