26 Marzo 2017 Scritto da 

Rete ospedaliera, nuova fumata nera. Cappello (M5S): “Nessuna sorpresa, ora basta. Gucciardi vada a casa”.

“Rete ospedaliera, nuova fumata nera. E intanto regna il caos nella sanità siciliana e le assunzioni e i concorsi restano al palo. Ora basta, Gucciardi vada a casa”.

Il M5S all'Ars non ha digerito l'ennesimo, e per nulla sorprendente, rinvio del varo della rete ospedaliera, atteso ormai da tempo immemore.

“Dal 31 marzo, data promessa in commissione Salute all'Ars – afferma il deputato Francesco Cappello - tutto slitta ora all'11 aprile, quando, pare, che il ministero esaminerà la tanto agognata rete. Visti i precedenti è quasi impossibile crederci. Nel frattempo il campo dei presidi ospedalieri intermedi, i cosiddetti spoke, cresce a vista d'occhio. Dai 17 della prima formulazione si è passati a 18 nella seconda, mentre da qualche giorno si è giunti a 19 con l'ospedale di Modica. Più spoke per tutti pare essere il motto di questo governo, che a parole accontenta tutti, ma nei fatti si riduce ai soliti vuoti annunci”.

“Si allontanano sempre di più, intanto - prosegue Cappello – le attese assunzioni, in un regime di sotto organico nel pianeta sanità che mette in ginocchio quotidianamente il meritorio sacrificio di medici ed infermieri. I manager sono sempre più lontani dagli obiettivi delle aziende, ma sono sempre più vicini ad immeritati premi obiettivi. E grazie a questa endemica e conclamata inettitudine cresce l'emorragia verso il Nord di medici, infermieri e pazienti. E tutto questo a fronte di più di nove miliardi di spesa sanitaria. Forse è tempo che questo assessore levi le tende e torni a fare l'impiegato della sua Asp di appartenenza. Poi non lamentiamoci se Giletti ogni domenica massacra la Sicilia”.



Enza Fazio

Collaboratore di Redazione

Devi effettuare il login per inviare commenti

Servizio Abbonati

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne meglio o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sulla pagina informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra pagina Privacy policy information.

Accetto i cookie da questo sito.

Cookie Directive Information